parole intraducibili legate al viaggio

La mentalità di un popolo si esprime anche attraverso la sua lingua e per questo motivo a volte incontriamo delle parole intraducibili: dietro una parola si può nascondere un mondo per il quale nella traduzione servirà una frase intera o addirittura più frasi. Anche il vocabolario dei viaggi è ricco di parole che non hanno un corrispettivo esatto in altre lingue. Attorno all’idea del viaggio infatti ruotano concetti complessi come la nostalgia, il desiderio, la smania di scoprire nuovi orizzonti, tutti concetti che possono essere riassunti in una sola, intraducibile parola.

Come potrete immaginare, la lingua che ha più parole intraducibili è il tedesco, che ha una parola praticamente per ogni sfumatura del pensiero. Oggi inizio con quattro parole, tre tedesche e una francese; ce ne sono altre, che aggiungerò in futuro per creare un piccolo vocabolario delle parole e delle espressioni intraducibili sul viaggio.

Parola intraducibile sul viaggio #1: Wanderlust

cosa significa wanderlust

Quasi sempre Wanderlust viene tradotto con «desiderio di viaggiare». Usiamo questa parola anche in italiano e non siamo i soli: pure gli inglesi la inseriscono nei loro discorsi con questo significato. In realtà, con questa accezione sarebbe più giusto Reiselust, letteralmente «desiderio di viaggiare», da Reise, cioè viaggio, e Lust, cioè desiderio. Il concetto originario tedesco di Wanderlust è invece un po’ diverso e per capirlo possiamo dare un’occhiata a quello che vogliono dire le due parole che lo compongono.

Lust significa «desiderio», wandern vuol dire «vagare». Ma proprio qui sta il problema: non riusciamo a trovare una traduzione esatta per wandern, perché non esprime tanto il viaggiare, l’esplorare, tantomeno il semplice passeggiare; wandern è il verbo tipico di chi si immerge nella natura, in particolare nei boschi. Per usare questo verbo è necessario che sia coinvolta la natura, quindi associare Wanderlust al desiderio di compiere, per esempio, un tour delle grandi metropoli americane o asiatiche non ha senso. In effetti non serve nemmeno andare lontano per poter «vagare» in questo senso: anche il bosco dietro casa va benissimo, purché sia il più possibile selvatico, la natura domini incontrastata e possiate sentirvi fuori dal mondo.

Un’altra caratteristica fondamentale associata a wandern è infatti riflettere su se stesso. Qui entrano in gioco l’introspezione e persino la spiritualità. Wandern è l’attività tipica di poeti e filosofi ed è quello che fa il Viandante nel mare di nebbia di Friedrich, che infatti nel titolo originale è un Der Wanderer über dem Nebelmeer.

Oggi Wanderlust può prendere anche il significo più generico di voglia di viaggiare, anche se rimane sempre un retrogusto romantico. Il viaggiatore affetto da Wanderlust non passa quindi il suo tempo a creare storie per Instagram, ma al contrario dovrebbe essere sempre offline, circondarsi di silenzio e fermarsi a ammirare la meraviglia della natura. Gli amanti della montagna sono quelli che più incarnano questo tipo di sentimento.

Parola intraducibile sul viaggio #2: Flâneur

cosa significa flâneur

Se Wanderlust è un sentimento associato alla natura, flâneur è invece un atteggiamento legato alla città. Il termine nasce a Parigi nell’Ottocento con i poeti, artisti e intellettuali bohémien che amavano girovagare e perdere tempo per le strade della città. Il flâneur si guarda attorno curioso e un po’ ozioso, sempre pronto a farsi sorprendere da quello che incontra. Cammina per assaporare la città e provare emozioni che poi possono anche finire su carta, in una poesia o nel diario di viaggio di un viaggiatore moderno.

Parola intraducibile sul viaggio #3: Fernweh

cosa significa fernweh

Tradotto di solito con «desiderio di terre lontane», Fernweh ha un significato più tormentato. Fern vuole infatti dire «lontano», ma Weh non è desiderio, è vero e proprio dolore. I tedeschi dicono tut mir weh anche nel senso di dolore fisico («mi fa male»), per cui Fernweh implica un desiderio venato di sofferenza per qualcosa che non si può avere e che in questo caso è viaggiare e andare lontano. Questa parola può racchiudere anche il desiderio di fuggire e immaginare che lontano il futuro possa essere migliore.

Questo misto di desiderio e dolore è decisamente tedesco, proprio come Wanderlust e il suo amore per i boschi e la natura che diventano quasi un luogo spirituale.

Parola intraducibile sul viaggio #4: Sehnsucht

cosa significa sensucht

Sehnsucht è una delle parole più belle del tedesco, ma anche una delle più complesse. Quando si vuole dare una traduzione secca si usa il termine «nostalgia», ma così si perde almeno metà del suo reale significato. Sehnsucht può indicare una nostalgia molto forte di un posto o di una persona, tuttavia la cosa sorprendente di questa parola è che il sentimento di bisogno e di mancanza può essere rivolto non solo a qualcosa che si ha già provato: Sehnsucht è anche la nostalgia di qualcosa che non è ancora successo.

In italiano sembrerebbe un controsenso, perché infatti il nostro termine implica che qualcosa sia già successa, al suo interno troviamo il passato e il desiderio di tornare a quello. Nostalgia dal greco nostos e algos, cioè ritorno e dolore, per cui si vorrebbe tornare in un certo posto o incontrare di nuovo una certa persona in modo così forte da provare dolore.

In tedesco al contrario è possibile desiderare qualcosa che non si ha ancora avuto, provando al tempo stesso nostalgia. È un desiderio del desiderio, l’attesa che è bella come e a volte anche più dell’incontro stesso con la persona o il luogo amato. Per un viaggiatore potrebbe essere l’emozione che si prova prima di tornare in un posto che si ama profondamente: l’idea di essere di nuovo lì lo rende così felice che si crogiola nell’attesa che precede il viaggio.

Conoscete altre parole intraducibili sul viaggio? Scrivetele nei commenti! Potranno entrare a far parte del prossimo articolo.

Salva il pin su Pinterest!

Parole intraducibili viaggio pin

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.